Le sagre

foto calendarioAttraverso l’ associazione Leonessadelcilento potrete conoscere ed essere partecipi delle sagre cilentane. Di seguito troverete un calendario orientativo delle principali feste che vi terranno compagnia nel periodo estivo, seguito da una breve introduzione delle feste piu popolari.

Giorno per giorno potrete essere informati su tutti gli eventi.Seguendo la nostra guida sarete immersi nelle variegate tradizioni che da secoli si tramandano nel territorio cilentando, avvolti da una costante atmosfera sane e spontanea voglia di vivere dei momenti di allegria e festa.

Ogni evento si differenzia per caratteristica, storicità e prodotti proposti; in soli pochi giorni potrete passare dalla Santa festa di S. Pantaleo, patrono di Vallo della Lucania, al Mojoca, dove artisti di strada provenienti da tutto il mondo si esibiscono. O ancora si potrà assistere allo settacolare quanto tenace PALIO DEL CIUCCIO, che si svolge nel comune di Cuccaro, od assaporare, immersi in un bosco di faggi, i deliziosi prodotti tipici cilentani, della sagra dei fiuriddi e ruspitieddi di Montano Antilia.


 

vicolo_antilia

AGORA’ (festa dei vichi)

Il comune di Montano Antilia fa da palcoscenico a molte manifestazioni organizzate prevalentemente nel periodo estivo tra le quali l’Agora sagra che si svolge nei vicoli del centro storico. Dal 18 al 21 Agosto il Paese si trasforma, si aprono gli antichi portoni nelle quali si potranno degustare ottimi prodotti tipici a ritmo di musica. Sarete coinvolti in un atmosfera che vi riporterà indietro nel tempo tra animali da pascolo balle di fieno e botti di vino potrete degustare i calzoni fritti, panini con soffritto o ciaulieddo, la capra vudduta, i cazzabbuboli pennette con salsiccia paesana e funghi di montagna, oltre che i rinomati caciocavalli di mucca e cacioricotta di capra prodotti dalle varie aziende agricole locali. Tutto questo nella accoliente e caratteristica vivacità dei vicoli paesani calorosi e carichi di storia antica che fa di Montano un luogo unico nel suo genere.

 

00-DSC08363_cover-680x453MOJOCA FESTIVAL

Il Mojoca Festival Artisti di Strada si svolge nel centro storico di Moio della Civitella. Le esibizioni degli artisti occupano vie, vicoli e piazze dalle ore 21.00 alle ore 02.00. L’antico borgo si trasforma in un animato e colorato teatro a cielo aperto dove si incontrano acrobati, giocolieri, musicisti, clown, sapienti e abili manipolatori di gesti senza tempo. Musica, grandi esibizioni circensi, strepitose evoluzioni acrobatiche, esilaranti spettacoli e raffinate performance, colori e passioni mescolati dal grande respiro dell’arte di strada. IL termine Mojoca è un gioco di parole, un anagramma composto dalla parola “Moio”, il paese cilentano ai piedi della Civitella e teatro del festival, e dal termine ” joca”, verbo dialettale che vuole dire giocare e che nella sua forma imperativa diventa gioca! , divertiti!

 

 

 

rewine-pellare-2011RE-WINE Pellare

Re-wine,più popolarmente denominata “la festa del vino” è molto di più di una “semplice” sagra, piuttosto assume le prodigiose vesti di un sontuoso evento. Avvenimento atteso dai cilentani e non solo, capace di far convergere fiumi di persone a Pellare, frazione di Moio della Civitella, raccolta e quieta cittadina arroccata sulla porzione montuosa del Cilento, distante appena una manciata di chilometri da Vallo della Lucania. Buon cibo e musica, irrorati da tanto vino, ma anche un antico e rito celebrativo che ha inizio alle ore 23.30 con l’arrivo di Bacco che, sdraiato su una lettiga, sfila in mezzo ai suoi sudditi, trasportato lungo le strade del paese dalle sue ancelle, concedendo, così, ai suoi sudditi di essere re e regine per una notte, mentre la regina viene condotta alla fontana, dove, per effetto di una divina concessione, l’acqua che sgorga da essa viene tramutata in vino, dando così ufficialmente inizio alla feste che si protrae fino alle prime luci dell’alba.

 

FESTIVAL DEGLI ANTICHI SUONI

La manifestazione,denominata “FESTIVAL ANTICHI SUONI”, celebra gli antichi raduni di tanti pellegrini, provenienti dalle regioni vicine, che facevano tappa a Novi Velia, per raggiungere poi il Santuario della Madonna di Novi Velia, posto sulla vetta del Monte Gelbison,1707 m. slm. Una manifestazione unica che raccoglie tutti i suonatori di ;Ciaramelle, Zampogne, Chitarre Battenti, Organetti e Flauti dell’area della Basilicata, della Calabria, della Campania e della Puglia. Suoni che si perdono nella notte dei tempi e hanno accompagnato la vita della gente del Sud nel corso dei secoli, e che oggi vengono riproposti affinché la memoria storica rimanga viva, ma, soprattutto, venga tramandata alle generazioni future. Il Festival si svolge nel centro storico di Novi Velia e nel corso delle serate, in compagnia di musica rigorosamente dal vivo, è possibile gustare quanto di più caratteristico e naturale può offrire la nostra ricca cultura gastronomica.

 

COSA ASPETTI? DIVENTA NOSTRO SOCIO E VIENI A SCOPRIRE IL CILENTO INSIEME A NOI
Scarica il modulo cliccando qui compilalo e mandacelo via e-mail a leonessadelcilento@gmail.com

matureamateur.us academic review paper paper writing Writing my essay online